Cos'è

LA DIDATTICA DIGITALE INTEGRATA
• È una metodologia innovativa di insegnamento-apprendimento
• È una modalità didattica complementare volta a integrare la tradizionale esperienza di scuola in presenza con attività strutturate con il supporto del digitale;
•Si basa sul bilanciamento tra attività sincrone e asincrone;
•Prevede frequenti monitoraggi in itinere, al fine di calibrare il processo di insegnamento-apprendimento al contesto e al gruppo classe.

ATTIVITÀ SINCRONE E ASINCRONE
• Attività sincrone, in altre parole svolte con l’interazione in tempo reale tra gli insegnanti e il gruppo di studenti.
• Attività asincrone, cioè senza l’interazione in tempo reale tra gli insegnanti e il gruppo di studenti. Vanno intese come attività di insegnamento-apprendimento strutturate e documentabili (prevedono lo svolgimento autonomo da parte degli studenti di compiti precisi assegnati anche su base plurisettimanale o diversificati per piccoli gruppi).
Le due modalità concorrono in maniera sinergica al raggiungimento degli obiettivi di apprendimento e allo sviluppo delle competenze personali e disciplinari.
Pertanto occorre dare attenzione alla modalità “asincrona”, per adattare la didattica ai ritmi d’apprendimento degli studenti, con percorsi e tempi “individualizzati” e rivedere la modalità “sincrona” per evitare che risulti la mera trasposizione delle lezioni in presenza.
Le scuole potranno progettare unità di apprendimento in cui prevedere:
– fasi di DDI sincrona (video-lezione seguita dagli alunni in tempo reale, anche in più aule)
– fasi di DDI asincrona (fruizione di video didattici preconfezionati, laboratori virtuali, lavori di gruppo a distanza, studio personale in rete, peer to peer …).

METODOLOGIE E STRUMENTI
Tra le metodologie da utilizzare per la didattica digitale integrata a titolo esemplificativo vengono segnalate:
● la didattica breve;
● l’apprendimento cooperativo (cooperative learning);
● la classe capovolta (flipped classroom);
● il debate;
● il project based learning.

L’AMBIENTE DI LAVORO DOMESTICO DELLA DDI
Per creare un ambiente favorevole per la DDI è utile:
a) attuare le strategie e le modalità di lavoro a fianco degli alunni più piccoli (per esempio, supporto silente solo per mantenere l’attenzione del figlio) e, se possibile, sfumare via via il supporto dell’adulto favorendo un progressivo grado di autonomia dell’alunno.
a) attuare le modalità con cui l’adulto dovrebbe affiancare lo studente nel lavoro scolastico a distanza, valutando in modo attento lo sforzo richiesto all’adulto (se per essere efficace, la DDI richieda la presenza del genitore o di figure ausiliarie, considerare che il carico richiesto alla famiglia sia commisurato alle risorse a disposizione)
b) regolamentare la frequenza delle videolezioni e il carico di lavoro domestico dello studente.

 

Come si accede al servizio

Documenti